Tecnologia e non solo

ottobre 4, 2009

Un po di chiarezza sui tempi di boot di Karmic Koala.

Filed under: karmic — telperion @ 11:01 am

Si legge spesso si tempi record di boot di Ubuntu 9.10 KK,
misurati in secondi, ma qual’è la verità?

Tralasciando la sicuramente superiore velocità di hard disk SSD,
vediamo su un pc “normale” con hd sata2 7200 rpm,
quanto impiega Ubuntu 9.10 con Gnome a caricarsi, tramite l’utility Bootchart.

Il risultato è 72 secondi.

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

QuickPost

1 minuto e 12 secondi circa, è il tempo necessario per avere il pc utilizzabile,
il tempo di attesa del GDM non viene calcolato da bootchart, infatti il risultato è lo stesso sia utilizzando il login automatico, che il normale gdm per il login.

Un ottimo tempo di avvio certo,
ma ben lontano dai mirabolanti pochi secondi di cui qualcuno parla.

Certo nel mio sistema partono firestarter e mysql server, ma eliminandoli non si guadagnerà che qualche manciata di secondi.

Ora chi è abituato ai tempi del bootchart di Ubuntu 9.04 JJ,
si stupirà, considerando la ventina di secondi del tempo del test su quella distribuzione.

Vediamo il bootchart della mia macchina con Ubuntu 9.04.

Il risultato è 24 secondi.

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

QuickPost

Allora karmic è lentissimo?
Ma ovviamente no

Bootchart su Jaunty calcola solo il tempo fino al GDM, il risultato quindi è completamente falsato, visto che al gdm il computer non si può usare se non esclusivamente da terminale, e manca ancora il caricamento di tutto il DE e dei vari programmi d’avvio del DE.

Invece più correttamente il risultato di bootchart su karmic comprende anche il caricamento del DE, e fornisce il reale tempo di avvio necessario per utilizzare il computer con gnome.

Analizzando i 2 grafici la differenza si nota immediatamente,
la semplicità del grafico di jaunty, contro la ben più complessa situazione di quello di Karmic.

In definitiva il tempo di bootchart di Jaunty è quello necessario per il boot del pc utilizzabile da console virtuale, mentre quello di karmic è il tempo per utilizzare il pc con Gnome.

Per la parte grafica del boot di Karmic, oltre ad usplash,
sono stati introdotti xplash e un nuovo gdm.

Ora questi possono piacere o non piacere *,
nel secondo caso potete rimuovere tranquillamente usplash ed xsplash come ho fatto io,
visto che i due programmi hanno esclusivamente una funzione estetica,
poi con

gksudo -u gdm dbus-launch gnome-appearance-properties

potete cambiare lo sfondo, i controlli e le icone del nuovo GDM
per renderlo più aderente al vostro desktop personalizzato.

* La seconda che hai detto .. (cit)

23 commenti

  1. A me non è che piaccia poi tanto questo nuovo GDM, esattamente come a te. Certo, sempre più elegante del precedente, ma non troppo. Anche il nuovo Human, bleah, ho la sensazione che Dust (e varianti annesse) resterà dabbest ancora per parecchio.
    Grazie della dritta sul GDM e l’appearance😀

    Commento di Bl@ster — ottobre 4, 2009 @ 11:47 am

    • Infatti io che ho un desktop verde, ho segato tutto, messo in gdm uno sfondo colore senza immagini grigio chiarissimo, controlli clearlooks e icone oxygen e l’effetto è molto più gradevole dei vari passaggi x-y-z-u splash e gdm assortiti, che vanno bene solo coi temi marroni default e null’altro.

      Quanto ai temi marroni default, stendiamo il solito pietoso velo, sarebbe come sparare sulla croce rossa.

      Commento di telperion — ottobre 4, 2009 @ 12:17 pm

  2. personalmente non ho mai visto i tempi di boot dichiarati e sbandierati in giro, perfino con SSD.
    comunque, questo risparmio di secondi non serve a una cippa (e forse nemmeno sul netbook).
    in ogni caso, perlomeno su questo specifico hardware (c2quad) OS X ci mette decisamente meno di linux e di windows.
    i temi nuovi non li ho visti ma a questo punto, viste le vs. premesse, non ci tengo😀

    Commento di LuNa — ottobre 4, 2009 @ 2:11 pm

    • Beh ad esempio i 14 secondi che vedi qui

      http://www.phoronix.com/scan.php?page=article&item=ubuntu_910_boot&num=1

      non sono realistici, perchè come si evince dal grafico di kk, non viene caricato alcun DE, ma si ha solo un sistema che si ferma al prompt testuale, quindi un uso molto irreale del pc.

      L’articolo non vuole essere un confronto tra karmic e resto del mondo, ma volevo solo ribadire che il “vero” tempo di boot di karmic con un de, non è certo inferiore a 20 secondi, semmai intorno al minuto, con SSD forse si potrà arrivare a qualcosa sotto il minuto non di più.

      Commento di telperion — ottobre 4, 2009 @ 4:07 pm

  3. Che stress che sei Luna!! Non ti va mai bene nulla😛
    Comunque sento solo parlare di questi tempi di boot, ognuno con una prova diversa e con mille valori diversi, alcuni che sbandierano pochi secondi con SSD…ma dove? Poi bisogna parlare di tempi di boot se diminuiscono di 30 secondi…non di 2!! Contenti loro..

    Commento di kaiserxol — ottobre 4, 2009 @ 3:16 pm

    • Appunto,
      il bootchart parla chiaro e non ci sono “sarcassi”.
      ;D

      Commento di telperion — ottobre 4, 2009 @ 4:08 pm

  4. Già ubuntu mi stava sui … ora che ha anche il nome con non una ma due K è proprio un sistema da bimbominkia. (cit e murt)
    Ho fatto delle prove anche io su sata2 spinto dalle moltitudini di news riguardo una velocità impressionante del boot. Non lo so su SSD ma a me mi parte tutta una stronzata.

    Commento di imu — ottobre 5, 2009 @ 11:53 am

    • Mah, su SSD hai solo i seek time bassissimi,
      diciamo che se hai un SSD intel da 300 euro potresti guadagnare un 30-40%, se hai un SSD dei poveri 5-10% e camminare …

      Commento di telperion — ottobre 5, 2009 @ 12:48 pm

  5. Sinceramente sul mio Dell Latitude 6500 ho skype aperto (esecuzione automatica) e funzionante entro 50 sec , e non è un ssd , onestamente lo trovo davvero veloce.. più veloce del mac della mia ragazza..

    Commento di Dox — ottobre 6, 2009 @ 11:02 am

    • Se hai karmik installa bootchart e allega la png che trovi al riavvio in
      /var/log/bootchart che vediamo.

      Se hai jaunty, bootchart è incompleto quindi inutile.
      Non è per dubitare, ma mi interessano sono “dati oggettivi”.

      Commento di telperion — ottobre 6, 2009 @ 12:04 pm

  6. a me pare strano che siano stati disabilitati i commenti nel post precedente, anche il contradditorio è retorica?

    Commento di krak76 — ottobre 6, 2009 @ 12:36 pm

    • Il contraddittorio ai nostri giorni è solo “caciara” politica che non porta a nulla.
      Ne hai esempi ogni giorno sulle tv nazionali.
      Se vuoi contraddire scrivi un articolo di pensiero opposto sul tuo blog e fai un backtrack, poi puoi fare tutta la “caciara” che vuoi.
      Fine offtopic, tempo stasera elimino commento e risposta OT.

      Commento di telperion — ottobre 6, 2009 @ 1:16 pm

      • Ah beh allora è tutto più chiaro, mi scuso se ho disturbato

        Commento di Krak76 — ottobre 6, 2009 @ 1:22 pm

      • Nessun disturbo, a una domanda civile la risposta è dovuta.

        Commento di telperion — ottobre 6, 2009 @ 6:43 pm

  7. Beh proprio oggi ho testato via usb la live di karmic ed i tempi di avvio mi hanno sorpreso in positivo, ovvio che siamo sempre sul minuto per il boot. Anche la reattività del sistema era ottima, decisamente meglio di jaunty.

    Credo che la complessità dell’hw installato intervenga ed anche parecchio sui tempi di avvio, non parlo della potenza ma della quantità di “accessori” quali dischi rigidi – usb disk – lettori usb- schede pci – configurazioni raid ed altro annessi alle proprie macchine. Di contro un sistema semplice con “l’essenziale” avrà tempi di avvio inferiori anche se meno potente.

    Oggi ho provato la live di opensuse milestone 8 11.2 e sono rimasto impressionato i tempi di avvio erano inferiori a karmic.

    Commento di Markus — ottobre 6, 2009 @ 5:02 pm

    • Non ho mai istallato una opensuse, solo perchè non ho voglia di imparare l’ennesimo sistema di gestione di linux, debian ubuntu archlinux e gentoo sono già fin troppe. Se la installi un bootchart versione 0.90 o superiore puà fornire qualche indicazione. Le impressioni, specie su una live, sono solo tali. Un hardware “potente” e un disco veloce, saranno sempre più veloci di un hardware lento, la velocità del disco poi conta moltissimo.

      Questo è il mio

      mc@kk:~$ sudo hdparm -tT /dev/sdb
      [sudo] password for mc:

      /dev/sdb:
      Timing cached reads: 2742 MB in 2.00 seconds = 1370.77 MB/sec
      Timing buffered disk reads: 318 MB in 3.00 seconds = 105.99 MB/sec

      Commento di telperion — ottobre 6, 2009 @ 6:49 pm

  8. ciao, se metto “gksudo -u gdm dbus-launch gnome-appearance-properties” mi appare l’icona di preferenze accesso universale e inoltre la schermata di preferenze-aspetto. Come faccio per modificare il gdm?

    Commento di Dario — ottobre 25, 2009 @ 12:28 pm

    • Funziona come il desktop di Gnome:
      puoi cambiare sfondo
      e in tema personalizza
      i temi gtk dei controlli anche eventualmente i colori e le icone.

      Per l’accesso universale che appare (perchè? Boh)

      Sistema – Preferenze – Tastiera – Accessibilità
      togli la spunta alla prima voce.

      Poi termina la sessione e vedi il GDM.

      Commento di telperion — ottobre 25, 2009 @ 12:41 pm

      • Grazie, funziona!!! Però non sono riuscito a togliere l’xslpash, il caricamento del gdm in pratica. Come posso fare per toglierlo?

        Commento di Dario — ottobre 25, 2009 @ 2:34 pm

      • Apri gestore pacchetti (synaptic) cerca (col pulsante) xsplash e rimuovilo completamente anche i temi, se vuoi puoi fare lo stesso con usplash.

        Commento di telperion — ottobre 25, 2009 @ 3:00 pm

  9. ho provato, ma mi dice che deve rimuovere anche ubuntu-desktop quindi?

    Commento di Dario — ottobre 25, 2009 @ 3:07 pm

    • Quindi rimuovilo è solo un meta-pachetto che installa tutti i pacchetti.

      Commento di telperion — ottobre 25, 2009 @ 4:06 pm

      • Ho trovato un’altra soluzione per disabilitare Xsplash, grazie tante comunque!. Gentilissimo!

        Commento di Dario — ottobre 25, 2009 @ 4:10 pm


RSS feed for comments on this post.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: