Tecnologia e non solo

aprile 9, 2009

Scopri la differenza (one more)

Filed under: Gnome,Humor — telperion @ 2:52 pm

Questa volta confrontiamo la nuova applet audio – applicazioni con pavucontrol.

Copia o prendi spunto, il risultato è sempre lo stesso.
Si riesce solo a “peggiorare” quello che già c’è.

Reinventare la ruota, però ovale.

Two thumbs down.

18 commenti

  1. Meglio rettangolare, la ruota. Dovrebbe girare meglio.

    Commento di Piplos — aprile 9, 2009 @ 3:35 pm

  2. Stessa cosa che dico sempre io.
    Ad esempio se c’è ALSA, c’è ALSA. Non capisco il motivo di esistere di PulseAudio.

    Commento di Bl@ster — aprile 9, 2009 @ 4:27 pm

  3. io non capisco in cosa vi sembri che peggiori?
    il secondo mi sembra meglio… boh.

    cmq pulseaudio permette pure di mandare e ricevere il suono via rete, ALSA no.

    Commento di scimmia — aprile 9, 2009 @ 4:48 pm

  4. Non penso che il problema sia alsa vs pulseaudio.
    Il “problema” è che esisteva gia pavucontrol e hanno rifatto il controllo volume in gnome.
    Ma secondo me non è un problema: pavucontrol è molto piu scomodo, e non è integrato con gnome. Non puoi mettere un app totalmente estranea come mixer predefinito

    Commento di Reload — aprile 9, 2009 @ 6:27 pm

  5. “e non è integrato con gnome” che vuol dire?
    Intanto se non usi pavucontrol non riesci a selezionare le fonti di registrazione di pulse, e nemmeno molte altre cose, quindi lo devi usare comunque via padevicechooser.
    Queta applet gnome sembra un lavoro fatto in fretta e male, un doppine che non sostituisce neppure l’originale e copiato pari pari da osx, come una marea di altre cose sia in gnome che in kde4.
    Cose copiate pure male, perchè nell’originale sono coerenti e funzionano molto bene tra l’altro.
    E ditemi che ci vuole un genio per creare un layout grafico di un applet del genere.
    Tse!
    2.26, la versione più inutile di gnome mai vista.
    Se si continua in questo modo “svogliato” lo sviluppo di linux, quando esce seven si passa dall’attuale 0,8% allo 0,2%, altro che pizza&fichi.

    Commento di telperion — aprile 9, 2009 @ 7:21 pm

  6. Parlando di pavucontrol: a te sembra normale che che per controllare il volume io debba cliccare col tasto sinistro e POI cliccare su volume control e POI aggiustare gli slide? In ambiente gnome dove da sempre si puo cambiare velocemente con la rotella del mouse, o in alternativa cliccare col sx per far venire lo slider è fuori posto. Non è che ci voglia un genio a capirlo, non puoi mettere in un DE roba che si comporta ognuno per conto suo. Quello che succedrà all’uscita di Seven sarà indipendente dall’applet di gnome per il volume, o no?

    Commento di Reload — aprile 9, 2009 @ 9:16 pm

  7. Ma scusate mi sbaglio io o alsa e pulseaudio non c’entrano una mazza uno con l’altro?
    Al massimo pulseaudio rimpiazza esd, non alsa.

    Commento di ombra85 — aprile 10, 2009 @ 9:54 pm

  8. @ombra85
    Non sbagli.

    Commento di telperion — aprile 11, 2009 @ 3:28 pm

  9. reload ha ragione. Usare pavucontrol è drammatico in fatto di praticità, gli sviluppatori di gnome hanno fatto bene a creare un’interfaccia più semplice.

    Commento di guiodic — aprile 14, 2009 @ 12:47 am

  10. @Guiodic
    può essere vero su Ubuntu dove tutto è pulseaudio compatibile, ma come al solito in una visione più “allargata” di linux, pavucontrol offre una serie di informazioni maggiori sugli stream e sui plugin pa in uso, molto utile per settare correttamente le varie applicazioni. Inoltre l’applet è molto incompleto per settare altre cose, come l’ingresso pa dei soft in registrazione devi comunque usarlo. L’icona nella tray di padevicechooser alla fine è la stessa cosa (con molte più opzioni) dell’applet gnome, per alzare abbassare il volume generale i tasti vol+ e vol- della tastiera sono più che sufficienti senza bisogno di alcuna applet.
    “Digiamolo” una gran “cagata” fatta in fretta e furia e “svogliatamente” come spesso accade ultimamente.

    A dimenticavo padevicechooser e tutti i gli annessi, funzionano “uguale” anche in kde4 nel caso uno lo utilizzi insieme a gnome.

    Commento di telperion — aprile 14, 2009 @ 10:50 am

  11. @Piplos
    Meglio triangolare, si elimina un sobbalzo.

    Commento di Steno — aprile 14, 2009 @ 4:30 pm

  12. @Reload

    icone nella tray per arrivare al mixer:

    icona volume-gnome (nella tray):
    tasto ds
    click sn su preferenze audio
    click sn scheda applicazioni
    mixer in figura

    icona padevchooser:
    tasto ds
    click sn su volume control
    click sn scheda riproduzione
    mixer in figura

    Mi spieghi cosa cambia?
    (Li hai mai usati sti cosi? o parli “a vanvara”?)
    Eppure si capisce bene anche dalla schermata!

    Perchè si parlava del nuovo mixer delle applicazioni, “grandiosa novità”.

    Per regolare il volume generale puoi sempre usare il normale applet del volume (non nella tray) o ancora meglio come detto i tasti vol+ vol- della tastiera.

    A volte le tue argomentazioni sono totalmente senza fondamento, sembrano buttate li solo per contraddire e nulla più.

    Commento di telperion — aprile 14, 2009 @ 5:00 pm

  13. Telpè, se vogliamo pigliarci per il culo possiamo anche decidere di farlo e decidere che sono due programmi uguali. Se invece non vogliamo farlo, e io non l’ho mai fatto, prendiamo atto che sono due programmi con cui si interagisce in modo differente.

    Ho scritto chiaramente prima un “caso d’uso” di pavucontrol, e so benissimo come funziona, dato che l’ho usato in passato prima che scrivessi il tuo illuminante post. Quindi non starò a riscrivere il perchè sono diversi e il perchè mi piace che abbiano fatto un nuovo mixer pulseaudio.
    A te pavucontrol sembra integrato, a me no. Penso sia normale avere opinioni diverse.

    Non è normale che mi accusi di scrivere giusto per contraddire e che parlo a vanvera.
    Scusa se sembro incazzato ma sono una persona che fa di un principio vitale il “non parlare a vanvera”

    ps: il tuo primo caso d’uso descrive una situazione diversa da quella descritta da me, penso sia abbastanza chiaro

    Commento di Reload — aprile 14, 2009 @ 6:28 pm

  14. Si ma la situazione descritta da te, il normale alza abbassa volume, non c’entra nulla con pavucontrol, e con il mixer pulseaudio, c’era prima c’è sempre stata e c’è ancora.

    La nuova applet di gnome nella traybar,
    (è di quello che si parla qui c’è anche l’immagine)
    è il vecchio controllo volume (duplicato) con l’aggiunta di parte di pavucontrol,
    copiata “carbon-copy” da OSX e peggiorando aspetto ed informazioni di pavucontrol,
    e nell’uso si comporta esattamente come pavucontrol in quanto a click vari.
    E questi sono FATTI non supposizioni.

    Quindi, in conclusione

    machestaiaddi?!

    Commento di telperion — aprile 14, 2009 @ 6:45 pm

  15. Io abitualmente cambio il volume con la rotella andando solo sopra all’icona. Con pavucontrol non si può fare. Nell’uso non si comporta manco per il cacchio come pavucontrol, e sono FATTI anche questi.

    Quindi in conclusione….

    Che poi io possa cambiare il volume coi pulsanti della tastiera (io non ce li ho) o con la rotella tenendo anche l’applet gnome non ci sono dubbi

    Commento di Reload — aprile 14, 2009 @ 7:07 pm

  16. Quato di nuovo reload.

    Nel 99% dei casi l’utente vuole solo cambiare il volume e con pavucontrol è drammatico. Solo occasionalmente è richiesta l’altra feature e allora siamo più o meno allo stesso punto.

    Commento di guiodic — aprile 14, 2009 @ 8:42 pm

  17. @guodic
    allora era inutile fare “sto coso”, anche perchè ribadisco il volume io lo alzo abbasso con i tasti, inoltre il “vecchio” applet controllo volume, quello che va sul pannello (questo nuovo è nella tray) c’è sempre mica lo hanno eliminato.
    Ennesimo esempio di confusione mentale e cose fatte a metà, che era appunto il motivo dell’articolo (humor tra l’altro).

    Commento di telperion — aprile 14, 2009 @ 9:35 pm

  18. Il “vecchio” controllo volume era/é confusionario perché riporta (su tutte le configurazioni da me provate) 18mila controlli. Uno per la sk audio, uno per la sk audio virtuale, uno per pulseaudio, uno per il pcm per il master per il front… lo conoscerai
    In fondo il nuovo controllo non è altro che un controllo volume esclusivamente per il pulseaudio, dato che gli altri controlli ti devono essere trasparenti. Siamo d’accordo che con pavucontrol lo controlli lo stesso, ma non è che puoi pigliare un’app a caso e metterla per controllare il volume. C’era una ovvia esigenza di scrivere qualcosa di UFFICIALE per il server audio UFFICIALE. Poi pulsaudio era inutile, il controllo è copiato da osx, tutto quello che uno vuole, ma almeno capire che la situazione è normale

    Commento di Reload — aprile 14, 2009 @ 11:52 pm


RSS feed for comments on this post.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: