Tecnologia e non solo

marzo 23, 2009

NAS, e poi?

Filed under: Attrezzi,hardware,Varie — telperion @ 8:05 pm

Bene abbiamo costruito il nostro NAS,
ed ora che ci facciamo?


Intanto attiviamo i servizi
CIFS/SMB e NFS e condividiamo il/i dischi con entrambi.

Samba ci servirà per ogni client Windows Mac e Linux, mentre
NFS lo useremo con Linux visto che è più efficiente di samba
(100Mb/s contro 85-90Mb/s), inoltre scegliendo l’opzione
mappa tutti gli utenti come root = NO, avremo tutti i permessi di file e cartelle, assolutamente identici agli originali, ideali per backup e cloni.

Per montarlo basta avere installato sul client il pacchetto pacchetto nfs-utils (arch) nfs-common (deb)
o con altri nomi, che forniscono il file /sbin/mount.nfs, poi basta aggiungere in /etc/fstab la riga

192.168.1.34:/mnt/data1/ /media/nfs nfs rw,users,noauto 0 0

creare il punto di mount, /media/nfs nell’esempio, e montare il disco con
sudo mount /media/nfs

avremo così il disco a disposizione nel filesystem per svolgerci qualsiasi attività.

Potremo inoltre ad esempio usare partedit per backuppare intere partizioni in formato compresso:

o fare copie da tenere sincronizzate di intere cartelle con rsync e la sua interfaccia grafica grsynch:

Per il risparmio energetico senza perdere la condivisione nello stand-by dei dischi conviene impostarli così:

I dischi andranno comunque in stand-by in caso di inattività, ma ripartiranno al primo click sulla cartella, con un ritardo minimo di 1-2 secondi.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: