Tecnologia e non solo

luglio 9, 2008

Vlc debian e debian-multimedia.

Filed under: Acid,Debian,Sid — telperion @ 10:33 pm
Tags:

immagine comunicato

18/06/2008 :
Broken ffmpeg libraries :
Since Debian use the same soname packages name than my packages, official packages (vlc, totem, etc…) linked against libavc* doesn’t work with my libavc* packages.
If you want to use vlc and friends you need to downgrade libavc* packages to the official packages.
Beware : downgrading to these packages will remove all debian-multimedia packages who depends on libavc*
To downgrade do the following :

dpkg -l | grep 3:2008

for each package echoed do :

apt-get install --reinstall =0.svn20080206-8

0.svn20080206-8 is the unstable version and
0.cvs20070307-6 for testing (check with apt-cache for the current version).

If somebody know a better solution tell me.

A tutt’oggi 11 luglio nessuno conosce una soluzione migliore.

Quindi o si fà funzionare vlc e si rinuncia a tutta la “bella robina” di debian-multimedia, tipo kdenlive, o si rinuncia a Vlc, il più PORTATILE DEI PLAYER, DA SEMPRE (su windows) CON TUTTI I CODEC INTEGRATI.

MA NON POTETE COMPILARLO CON FFMPEG STATICO (come fà Archlinux ad esempio)
STO C4ZZO DI VLC DI MERDA?????????????????*

Per ora rinuncio (malvolentieri) a VLC, ho tentato di compilarlo “a la” archlinux ma senza successo
e poi mi sono veramente rotto …

A volte un sano reboot di XP è salutare e rilassante.
Col nuovo pc è veloce come una saetta.

* non vuole in alcun modo essere un’offesa all’ottimo VLC
che uso dalla notte dei tempi insieme ad mplayer classic.

43 commenti

  1. so di essere terribilmente OT, ma che vuol dire compilare staticamente… ho notato in arch un po di pacchetti compilati staticamente (opera skype) ma non son riuscito a capire che significa… Google non è molto d’aiuto…

    Commento di algol — luglio 9, 2008 @ 10:56 pm

  2. @algol
    significa che vlc di archlinux contiene una copia di ffmpeg che gli consente di funzionare anche se nel sistema c’è n’è un’altra non compatibile.
    È un “vezzo” di Gnu/linux voler a tutti i costi mantenere una libreria sola condivisa per tutto il sistema, cosa accettabile in un server per motivi di sicurezza, ma fuori dal mondo in un desktop con decine di applicazioni e relative rotture incompatibilità e malfunzionamenti.
    Quà si continua a ragionare da dinosauri come quando il sistema era senza x server e senza DE, ormai la complessità del tutto è tale che non è più sostenibile quella posizione. Basta.
    Fate una libreria di sistema e i pacchetti più critici con le librerie critiche integrate.
    Vedi OpenOffice e Firefox binari distribuiti da Sun e Mozilla che funzionano su tutto e sempre.

    Commento di telperion — luglio 9, 2008 @ 11:07 pm

  3. Ogni cosa che scrive telperion mi trova d’accordo, è incredibile.🙂
    Finchè linux, o meglio, certe distribuzioni che mirano dichiaratamente al desktop, non si staccherà/anno dalla logica del server, ogni sarà il solito “anno del boom definitivo”. Come quello prima, e quello prima ancora.😐

    Commento di Daniele — luglio 9, 2008 @ 11:28 pm

  4. @Daniele
    il punto è che i quattro finanziamenti in croce che ci sono vanno su kernel e server, il desktop si deve accontentare di quel che arriva da li e sul volontariato, ecco perchè sarà difficile vedere l’anno di “Linux sul desktop”. Troppe mani zero soldi.

    Commento di telperion — luglio 9, 2008 @ 11:45 pm

  5. A me funziona tutto perfettamente con i pacchetti di Debian: ultima versione di vlc, ultima versione delle libavc (e sono su sid)

    In ogni caso vi lascio un piccolo promemoria: se non volete grattacapi con le librerie condivise basta non usare sid e non installare pacchetti non Debian. Nei repo di etch funziona tutto sempre perfettamente senza il ben che minimo problema di librerie.

    Commento di firstbit — luglio 10, 2008 @ 12:20 am

  6. @telperion: beh, anche se mi irrita alquanto, c’è una distribuzione desktop (sorvoliamo sul fatto che pretenda anche di essere server, includendo pacchetti experimental nel kernel…) con molti soldi alle spalle, ed è la tua amatissima (:D) Ubuntu. Solo che lì gli sforzi vanno nella direzione del “1 nuova ogni 6 mesi”, e stica se rimangono bug e casini indietro.😐
    Prendendo spunto da un articolo del buon LuNa e dai commenti allo stesso, resto dell’idea che la comunità open, e linux in particolare, sia restia alle cose che auspichi tu. Perchè? Beh… perchè non sarebbero “da linux”.
    Tristezza😐

    Commento di Daniele — luglio 10, 2008 @ 12:22 am

  7. Debian Sid, attivi i debian-multimedia, tutto aggiornato e tutto funziona anche a me.

    Può anche avere senso come lamentazione, se non consideri l’uso di una distribuzione instabile e di un repo esterno.

    Commento di stefanauss — luglio 10, 2008 @ 3:52 am

  8. vedi windows che lo fa da sempre sia in ambito server che in ambito desktop, e i risultati si vedono. certo, i programmi occuperanno più spazio (grande danno in un’epoca in cui il disco più piccolo è ormai 300 gigabyte) ma almeno funzioneranno. A voja a vedè l’anno di linux ….

    Commento di LuNa — luglio 10, 2008 @ 6:56 am

  9. io uso mplayer e vivo felice..

    Commento di Berseker — luglio 10, 2008 @ 7:51 am

  10. Che dire vlc ormai è un ricordo da quando ho “scoperto” e riscoperto mplayer nel suo abito da sera Smplayer, ottimo connubio tra veste grafica e potenza bruta:) Vlc è una pippetta su quasi tutti gli aspetti e le cose che fa in più non mi servono come la codifica al volo o trasmissione di flussi su lan o cme si chiama….me freca assai.
    W (S)mplayer.

    Commento di monolite — luglio 10, 2008 @ 8:56 am

  11. @Miscredenti! Anatema! Scomunica!
    Mplayer è una Bmw serie 1, VLC è una Lamborghini, aprite un dvd con menu scelta lingua scene eccetera con mplayer e poi con vlc.

    @instabile:
    su desktop esiste solo instabile, stabile è un concetto da server vecchio e superato,
    non è possibile usare etch sul desktop tanto vale usare windows95 allora.

    Sul desktop si vuole l’ultima versione di Gnome/Kde3 di Openoffice Gimp e tutte la altre cazzate, fine.
    Non raccontiamo michiate.
    Archlinux funza, Gentoo (~x86 il peggio del peggio di instabile) funza, Sid sono bloccati da un mese, vedi data del post di debian-multimedia su sta cazzata. (infatti io mi “inc4zzo” dopo aver aspettato un mese, nota bene)

    @Repository esterni:
    debian-multimedia è consigliato da chiunque ed è l’unico deposito oltre agli ufficiali, contiene cose irrinuciabili che in debian non ci sono, se dobbiamo togliere pure quello, allora installiamo etch senza X server e usiamo Lynx per navigare.

    Non diciamo minchiate!
    Basta con le solite scuse “eeeh è gratis …. è instabile …” e cagate varie.
    IO NON CI STO (cit.)🙂

    @Ubuntu e $:
    non vorrei dire “cagare” ma credo che per “la marrone” oltre a pagare server e banda, abbiano 3-5 sviluppatori per u e k quindi non è che poi si “scialino” tutti sti soldi.
    La quantità esagerata di bug in qualsiasi cosa metti mano “sembrerebbe” dimostrarlo.

    Commento di telperion — luglio 10, 2008 @ 4:30 pm

  12. Unico appunto, sarei restio a definire “pacchetto più critico”, per usare le tue parole, vlc o kdenlive

    A meno che non si considerino con “pacchetti più critici” pressoché tutti i pacchetti… e avere 10 librerie duplicate 10 volte per 10 programmi mi sembra un po’ poco esaltante su qualunque lato, scrivania, cliente, servente

    Commento di shaitan — luglio 10, 2008 @ 5:04 pm

  13. @shaitan
    per me anche tutti e 2.
    L’importante che funzionino a prescidere dal resto del sistema.
    VLC con ffmpeg pesa 200k (su oltre 7MB) in più sai che tragedia.
    Meglio avere anche 1GB di dati in più su un sistema che “funziona” anzichè un fantastico sistema snello e sicuro dove le cose vanno un giorno si ed uno no.
    (Per inciso in questo periodo kdenlive in AUR mi pare non compila in archlinux quindi la storia non cambia).

    Bisogna solo capire, mettersi d’accordo, se
    “FUNZIONARE” è una opzione fondamentale oppure facoltativa.

    Per ora con sta marea di librerie in perenne evoluzione sembra un’opzione “MIRACOLOSA”.

    Commento di telperion — luglio 10, 2008 @ 5:10 pm

  14. il problema non è quanto occupano sull’hard disk, ovviamente

    Commento di shaitan — luglio 10, 2008 @ 5:21 pm

  15. @Shaitan:
    della sicurezza ho già detto secondo me su un desktop è più importante che le cose funzionino e che ci sia un po di sicurezza in meno.
    Quale altro problema ci sarebbe?

    No perchè se lo “stile” ed i “concetti” sono prioritari e “funzionare” è secondario basta saperlo.

    ATTENZIONE:
    QUESTO SISTEMA RISPONDE A CRITERI DI PROGETTAZIONE ESEMPLARI.
    NON È DETTO CHE FUNZIONI MA CHE C’È’MPORTA.

    Su un desktop il sistema stà andando fuori controllo, c’è troppa roba da verificare. Collasserà andando avanti così.

    Commento di telperion — luglio 10, 2008 @ 5:26 pm

  16. in memoria non le carichi?

    ps “morirà ne sono certo” lo sentivo dai tempi di firebird…
    le cassandre, più o meno improvvisate, hanno sempre portato bene😉

    Commento di shaitan — luglio 10, 2008 @ 5:49 pm

  17. “le cassandre, più o meno improvvisate, hanno sempre portato bene”
    ottima riflessione tecnica, piena di spunti e motivazioni.

    Forse anche i dev lavorano cosi:
    “dai che c’è la luna piena rilasciamo la versione vedrai che funziona”.

    Ammetterai che i sistemi vanno complicandosi in maniera esponenziale e gli sviluppatori sono pochi.
    Come testare la nuova versione xz della libreria con le mille applicazioni e le decine di migliaia di combinazioni varie?

    C’è bisogno di cambiare mentalità, tu sei la prima dimostrazione del “conservatore”.
    Rivoluzione ci vuole. Via i dinosauri.

    “non ci sono più le mezze stagioni”
    “era meglio quand’era peggio”
    “l’erba del vicino è sempre più verde”

    Commento di telperion — luglio 10, 2008 @ 5:54 pm

  18. Non mi sembra che l’uso smodato della formattazione testuale, del torpiloquio a cui ormai il tuo blog è uso (ma il blog è tuo e quindi fatti tuoi) o alle frasi populiste (a cui dedicare interi post) in stile nano-pelato-magnaccia, rappresentino argomentazioni tecniche degne di nota…

    ma forse sbaglio è ho un concetto errato di argomentazione tecnica…

    Il problema che tu sollevi è il motivo per cui, da anni (se non oltre, ho la memoria breve) esistono le freaze release

    Non mi è ben chiaro invece (ma probabilmente c’è una motivazione tecnica che mi sfugge) come caricare tutte queste librerie statiche che vorresti (perché se per te è essenziale avere vlc all’ultimo grido, magari via svn, per un altro potrebbe essere essenziale tomboy con tutto il nuovo mono o qualunque altra cosa, financo l’ultima versione del sudoku) in memoria con i miei 512mb…

    ah già sono io un dinosauro e ci vogliano i 2 gb

    alla rincorsa di vista, produttori hardware alò😀

    Commento di shaitan — luglio 10, 2008 @ 6:02 pm

  19. @telperion

    per vedere le meraviglie di VLC rispetto a Mplayer a riguardo di gestire scene e dvd multilingua, lo sto installando (su arch).. 14,89 MB in fase di scaricamento. chissà mai che mi possa ricredere (anche se non credo)

    Commento di Berseker — luglio 10, 2008 @ 6:09 pm

  20. Lo conosci meglio di me il ciclo di sviluppo di Sid come è fatto. Porta esattamente ad avvenimenti tipo questo, ad aspettare mesi per bug minimi, per pacchetti “incoming”, “deleting”, “destroying”, “petting”, quello che vuoi. Debian Multimedia lo segue a ruota. In sostanza hai scelto l’esempio peggiore per una contestazione sensata.

    Questo ti ho detto, non di usare Etch e di navigare con ncurses.

    Commento di stefanauss — luglio 10, 2008 @ 6:12 pm

  21. @shaitan
    veramente il vlc di sid sarebbe uno stupidissimo 0.8.6 qualcosa mentre altrove ho 0.9 test1 perfettamente funzionanti.

    Quindi esempi di binari compilati come

    Firefox che con 3 librerie in croce e libstdc++5 che scompattati in una dir funzionano su tutto, spesso anche con meno bug delle spesso “esilaranti” versioni patchate
    delle varie distribuzioni ( al punto da fare incazzare non me ma mozilla e relativo monito firefox=codice originale)

    OpenOffice di Sun che funzionano quando altri si schiantano aprendo un ppt (!)

    sono tutti esempi folli di come non dovrebbero essere fatte le cose. Bene.

    Anche alla apple sono matti, da sempre scompatti la cartella e funziona tutto, manco l’install c’è.

    Sono tutti su Gnu/Linux i “geni”, sticazzi saperlo prima.

    Quanto allo stile “stile nano-pelato-magnaccia”
    lo trovo completamente fuori luogo, tipico di chi non sapendo come argomentare tende a buttare in rissa su altri campi, di nessun interesse nel contesto, etichettando l’interlocutore in maniera idiota “sei come il nano-pelato-magnaccia”.

    Pessimo ed idiota modo di scambiare opinioni, meglio che non scrivi più qui se questo è il tuo “meschino” modo di gettare merda sugli altri su questioni che non hanno tra l’altro alcuna attinenza con l’argomento.

    Certo sarà figlio dell'”odio politico dei nostri tempi” ma io non accetto questo modo di interloquire ne lo farò mai.

    Ci si può incazzare ed accapigliarsi per le proprie idee ma denigrare in maniera gratuita e fuorviante in maniera personale non è il mio metodo, ne lo sarà mai.

    Io distinguo sempre la figura di chi sostiene una cosa o la sviluppa col quale a volte mi incazzo pure, dalla persona che c’è dietro a quel ruolo che comunque rispetto.

    E penso si faccia più il bene di una cosa arrabbiandosi e sostenendo le proprie tesi, che non accettando supinamente tutto ciò che viene propinado, quella si chiama “fede” o ” misticismo” e danni ne ha fatti tanti nei secoli.

    Adieu.

    PS
    devo registrare un programma TV e devo usare Windows perchè su sto cazzo di linux
    funziona poco e male, e non iberna neppure.

    Commento di telperion — luglio 10, 2008 @ 7:45 pm

  22. @telperion

    “su desktop esiste solo instabile, stabile è un concetto da server vecchio e superato,
    non è possibile usare etch sul desktop tanto vale usare windows95 allora.”

    Ma anche no: su desktop esiste solo instabile perchè col desktop ormai ci giochiamo e basta e se non abbiamo l’ultima versione del software ci sentiamo mancare. Io voto per l’onestà intelletuale: se stai installando una cosa marchiata pubblicamente come “instabile” sai quello che ti aspetta, punto. Se poi ti viene da sbuffare perchè vlc non ti parte hai tutte le ragioni del mondo ma abbi il coraggio di ammettere che “te l’avevamo detto”.

    Riguardo la questione “desktop è instabile” vorrei far notare, inoltre, come sui notebook che la maggior parte delle aziende danno in dotazione ai loro dipendenti Windows Vista ancora stenti a comparire; eppure, che strano, è l’ultimo grido!

    “debian-multimedia è consigliato da chiunque ed è l’unico deposito oltre agli ufficiali, contiene cose irrinuciabili che in debian non ci sono, se dobbiamo togliere pure quello, allora installiamo etch senza X server e usiamo Lynx per navigare.”

    Sarà… fatto sta che non è un repository ufficiale e, in quanto tale, nessuno ne garantisce il corretto funzionamento.
    Scrivi ai cari manutentori di *-multimedia e chiedigli di fornire pacchetti compatibili. Fino a prova contraria, infatti, sono i repo esterni che devono adattarsi a quelli ufficiali e non viceversa.

    p.s. Dai telp non ti incazzare: qualcuno che ti verrà a insultare lo troverai sempre tanto!😛
    Per quanto possa valere, per me discutere con te è uno spasso: interessante e stimolante anche (e soprattutto) quando le opinioni divergono😉

    Commento di firstbit — luglio 11, 2008 @ 12:54 am

  23. @telperion
    uuh ecco cosa ha VLC in più di Mplayer.. la gestione dei Menu dei DVD!!
    beh caro Telperion, se ritieni VLC mille anni sopra mplayer solo per questa caratteristica, si vede che abbiamo esigenze diverse in un player. Io apprezzo molto di più lo stile di Mplayer, che inserito un DVD prende e parte subito col film (a dire la verità, ho solo dovuto cambiare lingua e mettere l’italiano, probabilmente solo perchè non ho adeguatamente impostato qualche setting) piuttosto che l’approccio VLC che fa partire messaggi di avviso, sottomessaggi di copyright ecc ecc, un minuto di video anti-pirateria (cavolo, lo si deve sopportare al cinema, e anche sui DVD??) per poi finalmente approdare al menu interattivo..
    alla fine se volessi nel caso accedere a parti extra ecc ecc, lo posso fare anche con mplayer.

    per il tuo discorso sui programmi ed il loro non funzionamento, alla fine a mio parere basta stare attenti a non utilizzare come già ti hanno detto, programmi beta, alpha o rc e più o meno si vive tranquilli anche su Linux.. ovvio che poi i programmi fatti “ad cazzum” ci sono anche su questa piattaforma.

    Debian *non* è una distribuzione orientata al desktop, quindi se la si vuole utilizzare come ambiente desktop, integrandola con repository esterni, automaticamente si accetta che qualcosa possa andare storto.. sempre a mio parere ovviamente.

    Ciò non toglie che in parte ti si può anche dare ragione, ma ti ricordo anche la differenza che c’è fra Microsoft,Apple e qualsiasi ambiente Gnu\Linux, cioè i soldi che ci stanno dietro (e non venitemi a dire che Canonical gestisce gli stessi danèe dei due colossi di Cupertino e Mountain View..e nemmeno sono così tanti i soldi investiti nelle varie Big che sono pro-linux)

    Commento di Berseker — luglio 11, 2008 @ 6:28 am

  24. @Berseker
    questo dimostra che tu per lavoro non produci DVD-video e quindi non devi controllarne la programmazione in vari player sia software che hardware. Inoltre VLC è disponibile da sempre per tutte le piattaforme, e non è raro fornirlo nel dvd per chi non ha player MPEG2 nel pc. Altra cosa che ti sfugge che mplayer si basa sui codec installati nel sistema, mentre VLC se non compilato alla cazzo, contiene da sè tutti i codec, quindi tranne in gnu/linux che comunque rappresenta una minoranza quasi nulla di utilizzatori, VLC garantisce qualità di riproduzione audio/video e funzionamento (linux escluso) su ogni piattaforma a costo zero.

    “Debian *non* è una distribuzione orientata al desktop”
    Non lo commento neppure.

    VLC è solo un caso emblematico, qui il problema sono le librerie condivise, retaggio del secolo scorso.
    Se non vogliamo citare windows che è “brutto e zozzo” e quindi incitabile per definizione (non è vero comunque) ribadisco sul mac non si installa nulla, si decomprime la cartella, dentro c’è tutto librerie comprese e tutto funziona e basta. Sono matti?
    O qualcun’altro è “pirla”.

    Commento di telperion — luglio 11, 2008 @ 9:17 am

  25. “Famo a capisse”:

    Io sostengo che che il metodo delle librerie condivise su un desktop, non funziona, causa l’elevato numero di librerie in genere e di applicazioni.
    In particolare alcune librerie (ffmpeg è una di queste) a causa delle infinite versioni tendono a creare montagne di problemi.
    I programmi che usano ffmpeg sarebbe bene fossero compilati con integrata la libreria richiesta in modo da evitare tutti questi problemi e raggiungere una feature richiesta: fun-zio-na-re.

    Detto questo si puo essere d’accordo o meno, e argomentare sulla questione.

    Puttanate come il nano e le ballerine, “Debian *non* è una distribuzione orientata al desktop” eccetera, non servono a nulla se non a far confusione e sviare il discorso da tema che è:

    Io sostengo che il metodo delle librerie condivise su un desktop, non funziona, sarebbe meglio fornirle con l’applicazione.

    Da questo sarebbero escluse le distribuzioni a “freeze” che ovviamente sono coerenti.

    Invece tutti gli applicativi forniti in binario dagli sviluppatori da repository extra, da rolling release, dovrebbero essere così.

    Commento di telperion — luglio 11, 2008 @ 9:36 am

  26. Sinceramente non ho mai avuto nessun problema legato alle librerie condivise. Il peggio che può succedere è che qualche pacchetto non si aggiorna istantaneamente perchè non sono soddisfatte le dipendenze ma, tipicamente, nel giro di una settimana (a dire tanto) il problema si risolve.

    Le librerie statiche, invece, sono sempre state un dramma per me. Dopo due mesi di utilizzo di un pc i rallentamenti (sia all’avvio che durante l’utilizzo) diventavano fastidiosi e questo accadeva, indistintamente, sia con windows che con mac (anche se la mela si comporta decisamente meglio)

    Commento di firstbit — luglio 11, 2008 @ 10:07 am

  27. @firstbit

    ovvio che se usi una “freeze release” non hai problemi di librerie in contrasto almeno fino a che non installi roba nuova esterna.
    Ma qui di parla d’altro.

    “Da questo sarebbero escluse le distribuzioni a “freeze” che ovviamente sono coerenti.”

    Commento di telperion — luglio 11, 2008 @ 10:31 am

  28. Ma io non uso una freeze. Sono praticamente sempre su sid!

    Ovvio che le freeze sono fatte per funzionare😛

    Commento di firstbit — luglio 11, 2008 @ 7:17 pm

  29. quindi (se non hai il problema) non usi kdenlive e avidemux e vlc insieme.

    Commento di telperion — luglio 11, 2008 @ 8:45 pm

  30. eh no… niente repo esterni😛

    Commento di firstbit — luglio 11, 2008 @ 8:55 pm

  31. […] vlc sid Archiviato in: Debian, Sid — telperion @ 9:39 am Dopo gli strali contro le librerie condivise sul desktop, ecco una possibile soluzione per rianimare vlc su sid con […]

    Pingback di E.R. vlc sid « Tecnologia e non solo — luglio 12, 2008 @ 9:40 am


  32. Commento di telperion — luglio 26, 2008 @ 9:53 pm

  33. in ritardo come pochi san fare, segnalo che c’è un repo (non)ufficiale di vlc (lo si trova sul sito di vlc stesso) con le versioni git compilate quotidianamente, e da me funziona senza nessun problema.

    non so se possa essere utile come segnalazione, al limite rilanciala tu.

    ciao.

    Commento di scimmia — agosto 13, 2008 @ 9:40 am

  34. io mi trovo in disaccordo con tutti voi……perchè volete fare di linux un windunix??? compilare staticamente le librerie significa aumentare esponenzialmente lo spazio in uso da un applicativo.(ricordo che a prescindere da librerie di una versione o un’ altra le primitive rimangono sempre le stesse, oltre che per un fatto di sicurezza se si trovasse un bug odiereste attendere ore x l’ installazione degli aggiornamenti di centinaia di pacchetti per causa di librerie statiche, contrariamente invece ad ora:bug in una libreria!? Si aggiorna solo la libreria e tutte le applicazioni dipendenti avranno risolto il problema)

    Nessuno vi vieta inoltre di:

    1: ovviare al applicativo apt-get e installare pacchetti precompilati (1.1 pacchetti precompilati gratuitamente da altri. Puntualizzazione fatta per far notare il vostro disprezzo in riferimento a persone che operano GRATUITAMENTE per il bene della comunità)

    2:compilare vlc in debian come in qualunque altra distribuzione da sorgenti

    Si consideri altresì l’ ipotesi di un malfunzionamento (in libreria condivisa) ad esempio di un altro applicativo, fatemi passare l’ esempio assurdo del server X rispetto alla versione sopracitata delle librerie ffmpeg, credete che non sia più intelligente correre in rimedio provvisorio, per un corretto funzionamento il server X piuttosto che per vlc?

    Commento di ultrakiller — settembre 19, 2008 @ 5:27 pm

  35. se volete utilizzare debian-multimedia potete aggiungere i repository di
    http://nightlies.videolan.org/

    vlc 1.0 funzionerà a meraviglia

    Commento di ultrakiller — settembre 20, 2008 @ 3:52 pm

  36. “vlc 1.0 funzionerà a meraviglia”

    perchè ha l’ffmpeg statico appunto e non si appoggia a quello di sistema, come volevasi sostenere nello scritto di lamentela.
    😉

    Commento di telperion — settembre 20, 2008 @ 5:13 pm

  37. […] E.R. vcl-0.9.0-test3 sid: aggiornamento Archiviato in: Debian, Guida pericolosa, Sid — telperion @ 11:41 pm Abbiamo già visto come installare un vlc stand alone su debian sid, con ffmpeg allegato per evitare le “complicazioni” di librerie in atto tra pacchetti debian e debian-multimedia. […]

    Pingback di E.R. vcl-0.9.0-test3 sid: aggiornamento « Tecnologia e non solo — settembre 23, 2008 @ 8:03 pm

  38. Ciao… a me non è mai piaciuto creare degli assoluti nelle comunicazioni… perchè non portano a nulla… Il bello di linux è che (in genere) uno può gestirsi le situazioni come meglio crede, senza ne creare tutti pacchetti con le librerie statiche, nè creare solo librerie condivise. Io per esempio su Arch ho usato opera con librerie statiche e non ho avuto problemi. Su Lenny (che ormai è ultra-super-freeze visto che è stable) per quanto riguarda vlc ho soltanto adoperato la famosa tecnica del pinning per quelle 5 o 6 (ora non ricordo) librerie lasciandole condivise utilizzando quelle ufficiali mentre posso utilizzare tutte le altre librerie di debian-multimedia e utilizzando sia vlc che kdenlive contemporaneamente. E tutti vissero a lungo felici e contenti. Che bisogno c’è di fare tutta sta casciara?

    Commento di Superman — maggio 28, 2009 @ 12:41 pm

    • Ma tu la data

      LUGLIO 2008

      la leggi o vai a casaccio?

      Allora c’era il problema.

      Commento di telperion — maggio 28, 2009 @ 1:09 pm

  39. Anche allora bastava un pò di pinning senza casciara!

    Commento di Superman — giugno 1, 2009 @ 4:32 pm

    • Ma pinning de che? Le due versioni di ffmpeg non erano compatibili, quindi ho funzionavano i programmi compilati dai mantainer debian o quelli di debian-multimedia a seconda della versione di ffmeg che usavi, quindi un bel casino, altro che pinning.

      Ma non hai altro da fare che un’inutile polemica su un articolo di un anno fà?!

      Commento di telperion — giugno 1, 2009 @ 5:34 pm

  40. Ohhhh Ma hai mai fatto il pinning di qualche pacchetto? Ma che casino? Bastava mettere un pin (tipo 990) più alto ai pacchetti di quelle cinque librerie per i repository ufficiali in maniera tale che non si installassero da quelli di Marillat! E SOLO per quei cinque pacchetti!!! In questo modo apt manteneva sempre la versione dei repository ufficiali (più eventuali aggiornamenti ma sempre dai mirror ufficiali) e tutti gli altri pacchetti cmq te li scaricava dai repository debian-multimedia!!
    Boh! Certe volte ci si mette di meno a trovare una soluzione che a criticare….. Ma ormai criticare sui blog fa più figo!

    Commento di Superman — giugno 3, 2009 @ 12:41 pm

    • Si bravo, cosi senza marillat poi non funzionava più kdenlive, vedo che hai capito tutto. La soluzione data in un post successivo era usare ffmpeg aggiornato e ricompilarsi vlc come ho fatto all’epoca. Se guardi nei commenti ci sono anche i pingback.

      E si il pinning di qualche pacchetto lo so fare.
      E mo basta tritare gli zebedei. Torna su Krypton va.🙂

      Commento di telperion — giugno 3, 2009 @ 1:24 pm


RSS feed for comments on this post.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: