Tecnologia e non solo

aprile 28, 2008

Compiz-fusion plugin workspace-naming

Filed under: Compiz-core,Fusion — telperion @ 2:25 pm

Un plugin poco coreografico ma abbastanza utile:

immagine workspace-naming

L’immagine spiega tutto.
Lo trovate (da compilare) qui, oppure con makefusion9 => 9.017

Annunci

13 commenti

  1. […] aggiornamenti: – 28 apr 16.00 9.017 Aggiunto plugin workspace-naming – 26 apr 15.30 9-016 Eliminato il pacchetto libopenexr2ldbl dalle dipendenze, che in Debian ha […]

    Pingback di Compiz/Fusion: makefusion9 - script per compilazione. « Tecnologia e non solo — aprile 28, 2008 @ 3:09 pm

  2. belin ! adesso si che mi cambia la vita 😀
    da che mondo è linux (cit.) li vedo come WS 1/2/3/4 e ora mi vogliono fare cambiare il nome ? Bah .. eheh
    per quanto riguarda il pop-up io personalmente aborro i pop-up di qualsiasi genere, levo tooltips, logs, segnalazioni visive di qualcunque specie e tipo.

    Commento di LuNa — aprile 28, 2008 @ 3:11 pm

  3. No il nome lo decidi tu. Per ora di default è vuoto.
    La battuta era sulla “mia” originalità nel “battezzare” i workspaces …

    Commento di telperion — aprile 28, 2008 @ 3:22 pm

  4. appunto su quello disquisivo, ho capito che posso cambiare il nome, ma perch+è cambiarlo che sono anni e anni che lo vedo così.
    e un po come quella schifezza di XDG e specifiche freedesktop ….. “Scrivania” … ma cosa azzo sarebbe scrivania … “Desktop” si chiama da che mondo è PC (stavolta non linux, proprio PC)

    Commento di LuNa — aprile 28, 2008 @ 3:43 pm

  5. nonostante abbia appena ricompilato con l’ultimo makefusion9, il plugin workspacenames non sembra esistere nella mia installazione.. eppure è nella lista dei CCPLUGINS..

    ps telperion c’è un piccolo errore in uno dei commenti allo script.. cerca “mafefusion8” e lo trovi immediatamente..

    Commento di Berseker — aprile 28, 2008 @ 6:45 pm

  6. @Berseker: su Gentoo Debian e Ubuntu workspacenames compila senza problemi.

    Attenzione che se compili da root anzichè con sudo
    i plugin “sciolti” finiscono nella home di root anzichè in quella del tuo utente
    copia la cartella /root/.compiz nella tua home e cambia l’owner
    chown -R tuouser .compiz
    riavvia il gestore finestre e appariranno i plugin.

    Per il refuso grazie, tanto non fa danni. Poi lo correggo
    Se non è come suppongo fammi sapere

    Commento di telperion — aprile 28, 2008 @ 8:17 pm

  7. avevi perfettamente ragione.. e pensare che prima non l’avevo mai notato..! comunque per la segnalazione, non c’è di che!
    ps ho un altro piccolo problemino però.. nelle configurazioni dei plugin, mi appaiono le finestre vuote, senza opzioni da settare.. eppure i permessi li ho settati correttamente..

    Commento di Berseker — aprile 29, 2008 @ 6:38 am

  8. @Berseker

    La cartella .compiz deve contenere le cartelle
    plugins (i plugins) e metadata (le opzioni per il ccsm).

    Al limite vai nella cartella dove hai lo script
    poi vai nella cartella di un plugin tipo workspacenames
    fai da utente:
    make clean && make && make install
    (installando nella home non necessità di autorizzazioni)
    e vedi se è tutto in regola.

    Ti consiglio di installare sudo ed abilitare il tuo utente a tutte le operazioni con visudo (da root) aggiungendo dopo le righe:

    # User privilege specification
    root ALL=(ALL) ALL

    la riga

    tuoutente ALL=(ALL) ALL

    Poi assegna alla cartella fusion (dove compili)
    il proprietario tuoutente e poi esegui lo script normalmente da utente, inserendo la password tuoutente quando richiesta.

    root per sistemi desktop ha un sacco di controindicazioni:
    crea molti problemi con proprietà di file che sono nella tua home ma come utente non puoi modificare oltre ad installare alcune cose nella home di root anzichè in quella utente.
    Tutte cose che con sudo si evitano visto che i poteri su vengono assegnati solo alle operazioni che lo richiedono e non a tutto lo script.

    Commento di telperion — aprile 29, 2008 @ 10:27 am

  9. non avevo copiato la cartella metadata in effetti..che picio.. comunque inizierò a seguire il tuo consiglio, anche se farò fatica ad abituarmici.. una delle cose che più odiavo di ubuntu era proprio sto sudo..vabbè..

    Commento di Berseker — aprile 29, 2008 @ 11:15 am

  10. @Berseker:
    sudo è una cosa in più. Puoi continuare ad usare su o root ed usare sudo per alcune attività dove offre parecchi vantaggi (come vedi).

    Io lo uso con soddisfazione su tutte le distro.
    Poi basta fare
    sudo -i
    e sei root con una password sola da ricordare.

    Commento di telperion — aprile 29, 2008 @ 11:57 am

  11. no ma aspe non ho capito una cosa: il 26 aprile ho scaricato lo script makefusion e ho seguito le tue guide. funziona tutto. ho aggiornato ma non vedo questo nuovo plugin. ma ogni volta che esce un nuovo script (mi sa che ho installato la 9.016, ora c’è la 9.017) devo rifare tutto??

    grazie

    Commento di maurolinux — aprile 29, 2008 @ 12:07 pm

  12. ho scaricato il nuovo script, ho fatto uninstall clone e install e ora trovo il nuovo plugin. ma sia nella versione precedente sia adesso quando cambio qualcosa nel setting manager non la cambia in realtà. succede anche a voi? per esempio attivo o disattivo plugin ma non lo fa realmente

    Commento di maurolinux — aprile 29, 2008 @ 4:33 pm

  13. devi mettere nel
    setting manager -> preferenze -> backend
    flat configuration file

    come spiegato nel post di makefusion9
    altrimenti ccsm funziona male.

    Quando lo imposti la prima volta perdi tutti i settaggi che erano in gconf ma poi funziona tutto alla perfezione.

    Commento di telperion — aprile 29, 2008 @ 4:46 pm


RSS feed for comments on this post.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: