Tecnologia e non solo

agosto 6, 2007

Guida di sopravvivenza a Tracker.

Filed under: Gutsy — telperion @ 9:10 pm

Oggi aggiornando la mia Gutsy Gibbon
si è attivato automaticamente al riavvio trackerd,
col risultato di paralizzarmi il pc,
diventato praticamente inutilizzabile.


Dopo aver atteso qualche minuto
nello smarrimento totale (ma che succede?)
ed identificato tramite il monitor si sistema
la presenza dell’esoso processo trackerd
(tutto in stile moviolone di Biscardi)
ho dovuto dare un bel
sudo killall trackerd
per porre fine allo scempio
e riprendere finalmente
il controllo del “mio” pc.

Allora per disattivare tracker all’avvio
dovete andare in sistema-preferenze-sessioni e disattivarlo.

Il file di configurazione è:
~/.config/tracker/tracker.cfg
dove ho scoperto che tutto quel “casino”
serviva solo ad indicizzare la mia home.

I database sono in
~/.local/share/tracker
e ~/.cache/tracker

Spero che questo esagerato consumo di cpu
sia dovuto all’implementazione non ancora ok
in Gutsy, perchè se l’impatto sul sistema di
“siffatta ciofeca” è questo
siamo veramente messi male.

Ma indicizzare quando non c’è nessuna attività nel pc,
e sospendere l’indicizzazione come qualcuno usa il pc
come fanno decine di utility Windows è troppo complesso?

Non mi piace molto il nuovo corso di Ubuntu
fatto di super invasivi desktop-effects (chi ti usa?),
restricted-manager (che se disinstallato non riesci più a compilare un driver)
e ora pure “inutilities” come tracker che non solo si installano di default,
ma addirittura si attivano autonomamente.
Meno male che con Gnu/Linux sai quel che fà il pc.
Meno male.

Orrore.

Retest con calma:

indicizzata la home
~/mc
40622 oggetti, in totale 1,5 GB

database
~/.cache/tracker
13 oggetti, in totale 156,5 MB

Il 10% dello spazio per indicizzare

~/.config/tracker/tracker.cfg
per “sopravvivere”

# Minimizes the use of memory but may slow indexing down
#LowMemoryMode=false
LowMemoryMode=true

# Throttles the indexing process. Allowable values are 0-20. higher values decrease indexing speed
#Throttle=0
Throttle=20

Con questi valori è quasi inavvertibile.

La ricerca non mi pare ne veloce ne precisa.
Meglio con il cerca file del menu risorse,
lentissima con Nautilus.

Notare “rdepend” non trova “rdepends”

tracker

solo lo “Strumento di ricerca Tracker”
propone l’alternativa rdepends,
per il resto, il termine non esiste.

Boh.

Info su tracker.

17 commenti

  1. se ti leggesse felipe ahahah!

    Commento di paolino — agosto 6, 2007 @ 9:59 pm

  2. oh
    uno che si lamenta di tracker in modo costruttivo e conclude anche con qualcosa su linux stesso…
    ebbravo telerion

    @paolino: ma chi se ne strafotte di felipe

    Commento di LuNa — agosto 6, 2007 @ 10:11 pm

  3. @Luna
    un mattone così mi ha fatto ricordare
    gli ultimi scan virus fatti con Norton Antivirus anni fà,
    lanciavi lo scan e non potevi fare nulla per almeno un’ora.

    @paolino una cosa del genere o è “invisibile e inavvertibile” oppure è inutile,
    dovrebbe indicizzare solo in IDLE e sospendere al minimo cenno di attività
    come comportamento di DEFAULT.

    In più se me lo sbatti in faccia così
    metti almeno un wizard (anche solo un txt che si apre)
    al primo avvio che mi dice cosa “minchia” è,
    a cosa serve, se lo voglio,
    se lo voglio disattivare,
    se lo voglio “limitare”.
    Stica!

    Commento di telperion — agosto 6, 2007 @ 10:54 pm

  4. @telperion: beh no, ha la possibilità di usare ram e procio come vuoi tu, ma il demone non e mai fermo … non esiste IDLE effettivamente, se scrivi una caccola (e sta nei tuoi criteri di indicizzazione) lui la indicizza, anche se stai compilando 4 kernel e guardandoti 8 divx di donnine nude per volta ( tu ci riesci lo so😛 )
    oltre tutto, con i miei mp3 non ne vuole sapere… non gli piacciono che ti devo dire, e io quelli li voglio indicizzare, per esempio. ovvio che ho scritto una mail con l’output nella speranza che il bug venga risolto. Comunque inserire imho, per default un indicizzazione ancora instabile e non perfettamente integrata in gnome, in una distribuzione come ubuntu, secondo me e una mossa sbagliata, come dici tu. speriamo che felipe non ci bacchetti, che ti devo dire🙂

    Commento di LuNa — agosto 7, 2007 @ 3:17 am

  5. @ telperion: non avevo letto, scusa: senza restricted manager non compili piu’ driver ? e perche ?

    luna@amd64:~$ sudo apt-get remove restricted-manager
    Lettura della lista dei pacchetti in corso... Fatto
    Generazione dell'albero delle dipendenze in corso
    Lettura delle informazioni di stato in corso... Fatto
    I seguenti pacchetti saranno RIMOSSI:
    restricted-manager
    0 aggiornati, 0 installati, 1 da rimuovere e 0 non aggiornati.
    È necessario prendere 0B di archivi.
    Dopo l'estrazione, verranno liberati 307kB di spazio su disco.

    non vedo dipendenze che se ne vanno, ne headers, ne sorci … non che non ti credo per carità anzi😀 ma come giustifichi l’affermazione stavolta ?

    Commento di LuNa — agosto 7, 2007 @ 3:25 am

  6. @Luna: se rimuovo restricted-manager si porta via i restricted-modules vari,
    poi manca un dev qualcosa ora non ricordo (non ho più il log)
    e il driver dal pacchetto .run di Nvidia non si compila più.
    Ho dovuto reinstallare restricted-manager (si tira dietro i restricted-modules vari) poi dal suo pannello fargli installare nvidia-glx, poi rimuovere il pacchetto nvidia-glx, poi DISABLED_MODULES=”nv nvidia_new” e a quel punto finalmente sono riuscito ad installare il mio driver.
    Un bel casino no?
    User Friendly se lo tieni cosi com’è
    un inferno se vuoi cambiare e fare come ti pare a te.

    Commento di telperion — agosto 7, 2007 @ 11:45 am

  7. @telperion: secondo me, la modificabilità come la intendi tu, non è target di ubuntu, … se voglio plasmare scelgo slack, o gentoo. io la penso così.
    uso ubuntu perchè per l’ambiente desktop, ossia navigare, sentire gli mp3, cazzeggiare, giocare col cubo, rippare, masterizzare, scaricare da amule come un maiale😛, e senza dubbio la distribuzione migliore per facilità (ma non che mi interessi poi troppo questo aspetto) e per IMMEDIATEZZA nelle soluzioni. certo è che prendere il sistema e girarlo come un calzino non è facile quando i mantainer fanno ste “azzate” come questa del restricted manager (che poi non fa altro che fare apt-get install e configurarti Xorg) che si poteva benissimo evitare, visto il fatto che e chiaro che quei pacchetti non dipendono di certo da un banale (quanto utile visto il target della distro) interfaccino grafico che esegue automaticamente 3 comandi in croce. poi comunque parliamo di una distribuzione (gutsy) che non e uscita, e come dicesti tu sul mio blog qualche giorno fa, è inutile secondo te scaricare “questi snapshoot per sviluppatori” (utilizzo i tuoi termini). Secondo me dovresti tenere presente che la situazione pacchetto intoglibile potrebbe cambiare in tempo per l’uscita del gibbone amico dell’uomo, quelli di ubuntu (come sai) cambiano anche radicalmente mezzo kernel a 2 giorni dell’uscita della distro.
    stiamo a vere. restricted manager, se vogliamo dirlo così, e’ un pregio della distro. vediamo a suo tempo se puo considerarsi un “restricted choice” tenendo comunque presenti gli obbiettivi di canonical.

    Commento di LuNa — agosto 7, 2007 @ 1:34 pm

  8. telperion sono d’accordo infatti, io uso beagle! :p

    Commento di paolino — agosto 7, 2007 @ 3:11 pm

  9. Cmq l’ho testato un pò cercando alcune parole contenute in file txt in cartelle indicizzate
    Non trova nulla.
    Rimosso e recuperato il 10% di spazio su disco.

    Amen!

    Commento di telperion — agosto 7, 2007 @ 3:43 pm

  10. @Luna Ubuntu fino alla Feisty, è modicabile fin chè vuoi, puoi rivoltarla come un calzino.
    Sono questi nuovi automatismi
    che da un lato facilitano l’utente base,
    come antipattinamento abs e limitatore
    e sospensioni attive su una sportiva,
    ma poi come li levi, cappotti alla prima curva.

    Il problema è che con “la guida assistita”
    tu ti illudi di saper guidare…

    Commento di telperion — agosto 8, 2007 @ 8:20 pm

  11. 10 e lode per il post … anche se non ti chiami chiquita!😉

    Commento di Kijio — agosto 9, 2007 @ 6:20 pm

  12. @Kijio: grazie,
    è semplicemente la mia esperienza con Tracker
    con cui sono venuto a contatto per via di Gutsy.
    Nulla di più.

    Commento di telperion — agosto 9, 2007 @ 6:28 pm

  13. non capisco davvero perche’ si debba copiare il peggio da un sistema merdoso come windows .. ma poi con un programma .. che se non erro e’ in mono .. insomma .. fosse almeno in python ..

    Commento di Kijio — agosto 10, 2007 @ 11:19 am

  14. @kijo: ti sbagli quello scritto in Mono è beagle e quello funziona
    (anche se io non uso gli indicizzatori).
    Non ne farei la solita manfrina noiosa Mono=Diavolo,
    mi limiterei a funziona bene o no.

    Quanto al “merdoso” windows, vorrei ricordarti
    che ci lavora e produce reddito oltre il 90% della gente che usa un pc.
    Che poi gli “incapaci” si facciano impestare il pc da virus e worm
    installando ogni tipo di porcheria warez che trovano,
    e che agli universitari ” fighetti” non piaccia,
    è un altro discorso.

    A me “contro” non piace come stile di vita.

    Uso windows per lavoro perchè
    con Linux non è possibile lavorare (per le cose che faccio io)
    e windows ti assicuro lo formatto
    quando cambio pc, ogni 3 anni e basta,
    e uso Gnu/Linux per divertimento e per imparare
    sui pc a casa, e lo trovo molto stimolante
    ma anche assolutamente acerbo sul versante desktop.

    Ottimo invece sul lato web-server li i fattori
    si invertono, meglio Linux
    a fronte di un complicatissimo
    meccanismo di licenze server user client di Windows
    con cui districarsi è un’impresa.

    Chiudo l’OT dicendo: non ti piace Windows?
    Non usarlo. Parlar male di una cosa
    in termini non precisati come “merdoso”
    crea solo luoghi comuni
    che altro non sono che disinformazione e ignoranza.

    Che potrebbe dire allora uno di Gnu/Linux
    leggendo ad esempio, tutti i problemi di Fusion e
    altre cose, segnalati in questo blog?

    In maniera superficiale:
    instabile problematico caotico
    sono i primi 3 che mi vengono,
    ma potrei continuare.

    🙂 Peace&Love

    Commento di telperion — agosto 10, 2007 @ 11:53 am

  15. […] Stavo per disinstallarlo da “Aggiungi/Rimuovi Programmi” quando son piombato in questo post di Telperion. Vi segnalo solamente le modifiche che ho fatto io [in modo grafico a differenza di Telperion […]

    Pingback di informatix » Ubuntu: Avanzamento da Feisty a Gutsy — ottobre 26, 2007 @ 11:33 am

  16. […] Dato che da quando ho aggiornato il mio Ubuntu da Feisty a Gutsy ho notato spaventosi rallentamenti, tali a spingermi di sottoutilizzare Ubuntu a favore di Windows XP, ho deciso di reinstallare Gutsy senza avanzamento, ovvero di fare una fresh installation, come si suol dire, dal cd di installazione avuto tramite Ubuntu Ship-it (ma va benissimo anche la iso scaricata da internet ) e devo dire che le cose sono notevolmente migliorate, anche senza modifiche alla configurazione di Tracker (vedi ancora qua e anche qua). […]

    Pingback di informatix » Gutsy Fresh Installation #1 — marzo 6, 2008 @ 12:07 pm

  17. Lo so che è passato quasi un anno.

    ma, diciamocelo.

    Tracker funziona quando ha voglia.
    Ubuntu è rivoltabilissima, basta saperlo fare e sapersi prendere i giusti tempi.

    E windows è una schifezza.
    Detto da uno che ci lavora tutti i giorni.
    Son più di 3 anni che non ho più un windows sul mio nb di lavoro. E non ne sento la mancanza.
    Windows è stato il miglior sistema operativo client del mondo. Anche perchè arrivare primo ad una gara con un solo partecipante è relativamente facile.

    Ma posso dire anche che come server ha il pregio di riuscire a peggiorare anno dopo anno nonostante milioni di genialate che vengono implementate.

    Tante chicche belle e funzionanti. Come le varie versioni di exchange. Fikissimo. Tante cose belle da un anno all’altro.

    Poi un giorno si pianta.
    E da exchange recuperi solo un ” eccazzo non avevi 3 server di backup?”

    I domini windows funzionano bene fino a quando funzionano. Poi svaniscono nel nulla.

    Scopri che se aggiorni dei server poi non puoi farli dialogare tra di loro.

    Scopri che il tuo dominio si pianta e in poche manciate di minuti tutto quello che hai è polvere e cocci di utente.

    No.
    Davvero.

    Un sogno? Le funzionalità di windows e la serietà di linux.

    E le “MS-toppe 1 2 e 3 ” non sono elencate tra le funzionalità.

    E anche apt-get moo non è tra le cose serie di debian.
    😀

    Commento di Fax — luglio 15, 2008 @ 10:40 am


RSS feed for comments on this post.

Blog su WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: